Trovacamporella.com en el periodico Ilmessaggero.it

Nueva aparición en los medios de Trovacamporella.com. Hoy toca Ilmessaggero.it

A este paso vamos a tener que aprender italiano…

Arriva la mappa per andare «in camporella»: tutte le dritte per il sex on the road

di Luisa Mosello
Una mappa per andare “in camporella”. Che poi sta per “infrattarsi”, andar per frasche, imboscarsi,  insomma fare l’amore o semplicemente sesso all’aperto. Che non significa esibirsi in mezzo alla piazza incorrendo a multe per oltraggio al pudore, come purtroppo è accaduto spesso negli ultimi tempi nelle grandi città come Roma dove i bollenti spiriti sono annegati nel degrado. No, nulla di illecito. La mappa in questione è una sorta di filo d’Arianna per scovare l’angolo del cuore più isolato e tranquillo in cui potersi appartare e provare per qualche ora il brivido della trasgressione a chilometro zero, a portata di mano e praticamente (quasi) sotto casa.

Niente incontri in hotel, ne tantomeno in tristi motel ma appuntamenti nelle confortevoli (più o meno) mura-lamiere della propria automobile o, quando è possibile, a cielo aperto per trasformare un qualsiasi luogo urbano e dintorni in nido d’amore. L’idea è venuta al sito trovacamporella.com che segue a ruota il portale spagnolo mispicaderos.com che già comprende oltre 10 mila location internazionali. Qualche anno fa era stato avviato un esperimento simile sul web poi naufragato. Ora gli angoli di sex open air possono essere cercati anche in Italia: basta cliccare sulla città che interessa e seguire le indicazioni sui luoghi che sono stati testate da altri.

Nel nostro Paese ancora gli “indirizzi galeotti” sono pochi e in work in progress. E infatti sull’home page del sito si viene invitati a collaborare inviando e condividendo  quante più informazioni  possibili. Comunque già le “dritte” non mancano. Per esempio a Roma il passaparola all’insegna delSex on the (open) city evidenzia la Farnesina «Dietro il Ministero degli Esteri parcheggiando solo di giorno». Oppure la Stazione Roma Nord ma, viene precisato «A piedi solo di giorno». A Milano via libera (con discrezione) al Parco Nord “A piedi, in particolar modo d’estate” o in via Peroni «In auto, di sera e di notte». E a Padova consigliati i giardinetti di Pontecorvo, i bastioni di via Marghera, lo stadio Appiani. Insomma strada che vai nido on the road che trovi. Volendo anche nella stessa Camporella. Che esiste davvero, è una cittadina, verde e isolata, dell’Appennino emiliano e ha dato il suo nome a questa pratica della serie “si fa ma non si dice”.  Anche se poi le voci corrono, eccome.

Fuente: http://www.ilmessaggero.it/societa/piaceri/mappa_sesso_in_camporella-1935317.html

Deja un comentario